Perfetta

0
perfetta recensione teatro franco parenti milano 2019

PERFETTA
Scritto e diretto da Mattia Torre
Con Geppi Cucciari
Musiche originali Paolo Fresu
Costumi Antonio Marras
Disegno luci Luca Barbati
Produzione
ITC 2000

Dal 23 gennaio al 3 febbraio 2019 al Teatro Franco Parenti

Il pubblico che non va di solito a teatro sa come farsi riconoscere. Lo si incontra ogniqualvolta un personaggio televisivo approda sul palcoscenico di legno: lui entra, il pubblico applaude. Lui strizza l’occhio, il pubblico applaude. Lui fa una piroetta, un inchino, uno starnuto, il pubblico applaude. E continua, continua, in uno scoordinato sconfinamento dai margini al centro dello spettacolo.

In questo caso, a segnar il passo dell’incalzante battimani, la comicità senza troppi inabissamenti di Perfetta, monologo teatrale scritto e diretto da Mattia Torre – autore, tra l’altro, di quella piccola meraviglia che fu 456 – e interpretato dalla straripante Geppi Cucciari, tenuta per le redini dal geometrico contorno di un fasciante Antonio Marras con anfibi, e dall’assetto gambe-ben-piazzate-mani-lungo-il-corpo della postura prevalente, altrimenti chissà quali ghirigori avrebbero disegnato quelle mani!

In scena al Franco Parenti fino al 3 febbraio, Perfetta racconta le quattro fasi del ciclo femminile – mestruale, follicolare, ovulazione e premestruale – attraverso il succedersi di quattro martedì nell’economia mensile di una donna. Una vita regolare, scandita da abitudini che si ripetono ogni giorno: la donna delle pulizie da istruire, il traffico cittadino, la competizione spietata sul posto di lavoro, il ristorante ferro e vetro col lavandino a sorpresa, il fioraio con la sua proverbiale lentezza, gli incontri occasionali col marito-pianta e i due figlioli riempi-lavatrice. Quattro martedì tutti identici tranne che per gli stati d’animo, le percezioni e le emozioni della protagonista tutti scanditi dall’alternarsi delle fasi ormonali con dovizia di particolari ben raccontate.

Ed è così che con Perfetta e Geppi Cucciari, il mestiere di far ridere restituisce al teatro quella funzione sociale di aiutare la persona immersa nel trantran quotidiano, a scendere a patti con la propria ombra, a ridere delle proprie frustrazioni, a canalizzare la rabbia in modo accettabile, a sciogliere le contraddizioni. Perché, è vero, “la gentilezza è l’ultimo atto politico che c’è rimasto”.

Dal 23 gennaio al 3 febbraio 2019 al Teatro Franco Parenti oppure cerca l’Evento che fa per te nel CALENDARIO.

About author

Babi Campi Falcone

Babi Campi Falcone

Mi occupo di teatro da una decina di anni e lavoro nell'ambito della comunicazione da qualche anno in più. Mi piace fotografare volti per strada. Mi piace costruire mobili. E mi piace leggere. Da Ariosto a Philip K. Dick, da Pinter a John Patrick Shanley. Ultimamente e inspiegabilmente - anche qualche libro sulla fisica quantistica e la teoria dell'universo olografico. Tra i viaggi più belli, 10 anni di psicoanalisi junghiana...

No comments